San Nicola, è lui il protettore dei bambini

La religione cristiana è monoteista, cioè professa la fede in un solo Dio, ma allo stesso tempo vengono venerate un gran numero di figure, i Santi, personaggi che si sono distinti in vita per le loro opere pie e che dopo la loro morte hanno fatto da intermediari con Dio per il compimento di miracoli.

Ogni santo, poi, è considerato protettore o protettrice di una determinata categoria.

San Nicola, ad esempio, è considerato il protettore dei bambini: sapete perché?

Greco di origine, San Nicola in vita diventò vescovo della città romana di Mira e passò alla storia come uno dei più prominenti taumaturghi del cristianesimo.

La sua figura ha dato origine alla tradizione di Babbo Natale, personaggio noto anche al di fuori del mondo cristiano.

Più di una volta, durante la sua vita, mise in salvo chi ne avesse bisogno, soprattutto i più giovani: ad esempio si racconta che salvò tre giovani dalla prostituzione buttando giù per il camino della loro casa tre sacchi d’oro, grazie ai quali il padre delle tre sventurate poté saldare i suoi debiti e fornire una dote alle figlie.

Un’altra storia narra invece che il proprietario di una taverna, avendo finito la scorta di carne in dispensa, avesse ucciso tre giovani ragazzi che gli avevano chiesto ospitalità, e li aveva serviti in pasto ai propri clienti, ma San Nicola fece allora un miracolo e li resuscitò.

[email protected]Wikipedia

Next Post

Esogestazione, rapporto viscerale tra mamma e neonato

Quando si parla di gestazione si fa riferimento a quel periodo, che nell’uomo dura nove mesi, in cui il feto resta nel grembo materno e che si conclude con il parto, quando il bambino viene dato alla luce. Col parte si recide il cordone ombelicale e madre e figlio non […]
Esogestazione rapporto viscerale tra mamma e neonato