San Lorenzo, ecco perché è associata proprio a questo Santo

Agenda Digitale

Una delle celebrazioni più attese e suggestive di tutto l’anno è quella di San Lorenzo: nella notte del 10 agosto, infatti, siamo tutti con gli occhi al cielo per ammirare le stelle cadenti, o quantomeno per cercare di avvistarne almeno una per poter esprimere un desiderio e sperare che si avveri.

In realtà la scienza ci ha già dimostrato e spiegato che questa notte è associata al passaggio dello sciame meteorico delle Perseidi e solo popolarmente ed erroneamente sono chiamate stelle cadenti, ma è una festa fin troppo romantica per eliminarla dal calendario.

Ma la domanda che oggi ci poniamo è un’altra: perché si celebra proprio nel giorno in cui si ricorda San Lorenzo?

La tradizione cristiana vuole che il santo fu arso vivo su una graticola, e le stelle cadenti non erano altro che i carboni ardenti che lo uccisero. 

Ad onor del vero, però, la tradizione di riunirsi per osservare tale fenomeno è in realtà molto antica, risalente all’epoca dei romani e le Perseidi vennero osservate per la prima volta addirittura nel 36 d.C.

Next Post

Ansia, ecco come gestirla con pochi gesti

Chi più, chi meno, chi solo in alcuni periodi della propria vita, chi perennemente, ma tutti ci troviamo presto o tardi a fare i conti con l’ansia, con una sensazione di inquietudine che non ci fa vivere con tranquillità. L’ ansia è un’emozione incontrollata che proviamo di fronte a una sensazione di […]
Ansia ecco come gestirla con pochi gesti