Murales e graffiti non sono la medesima cosa

Per i più “bigotti” si tratta sempre e comunque di maleducazione e di qualcosa di comunque ben lontana dall’arte, un modo di imbrattare le nostre strade, le nostre case ed i nostri monumenti.

Ma in realtà, al di là degli atti vandalici veramente fini a se stessi, disegnare sui muri, naturalmente laddove è consentito, è diventata negli anni una vera e propria forma di arte, sempre più valorizzata anche da comuni e città, magari per ridare valore e prestigio alle zone e ai quartieri più degradati ed abbandonati a se stessi.

La maggior parte di noi chiama questi disegni Murales e Graffiti, indifferentemente, ma non sono affatto la stessa cosa: voi conoscete la differenza?

Il termine murales indica ogni tipo di pittura realizzata su pareti esterne, generalmente di grandi edifici o su muri di cinta. La pittura murale può essere realizzata con varie tecniche, come l’affresco, e ha come tematiche le più svariate. Le sue origine sono antichissime e legate alla cultura messicana, sebbene oggi sia diffusa in tutto il globo.

I graffiti nascono invece a New York, e molto più recentemente, esattamente negli anni Settanta come espressione della cultura hip-hop. 

Nella stragrande maggioranza dei casi i graffiti non rappresentano immagini o allegorie, come i murales, ma sono caratterizzati perlopiù da caratteri, sigle e scritte.

Possono essere realizzati volendo anche sui muri, ma generalmente vengono realizzati su vagoni ferroviari e pareti urbane, con bombolette spray ma anche letteralmente “graffiando” le superfici,  creando quindi danni sanzionabili come atti di vandalismi.

Anche al graffitismo è stato però negli anni riconosciuto il suo valore artistico e quindi considerato anch’essa una forma d’arte, un modo di esprimere se stessi e la propria interiorità.

Next Post

I marchi automobilistici nell’era 3.0: Volkswagen

Nata nel 1937, per volere di Adolf Hitler, “l’auto del popolo” ha dato vita ad uno dei marchi di automobili più conosciuti ed incisivi sulla scena globale. Dopo la battuta d’arresto dovuta al Secondo Conflitto Mondiale, la Volkswagen è ripartita con la produzione, grazie ad una joint-venture anglo-tedesca. La determinazione […]
I marchi automobilistici era 3 Volkswagen