Le persone con disabilità, soffrono di più durante la pandemia

Agenda Digitale

Uno studio rivela che le  persone con disabilità intellettiva che sono più anziane tendono ad avere alti livelli di comorbilità.

Più della metà delle persone anziane con disabilità intellettiva ha sofferto di stress e ansia a causa della pandemia Covid-19, anche se pochissimi sono risultati positivi e non hanno avuto decessi, lo rivela un importante rapporto.

Il rapporto – tratto dallo studio Irish Longitudinal Study on Aging per il Trinity College di Dublino – ha rilevato che due terzi dei 710 anziani di età superiore ai 40 anni, affetti da disabilità intellettiva, sono stati testati ma solo 11 sono risultati positivi.

Tuttavia, avevano un alto tasso di condizioni preesistenti che sono collegate a risultati più poveri per Covid-19. Questi includono malattie cardiache, sovrappeso e obesità. C’era anche un’alta prevalenza di alcune condizioni psichiatriche e neurologiche.

La causa più comune di stress e ansia in generale è stata l’incapacità di svolgere le loro solite attività, seguite dal non vedere amici o familiari, sentimenti di solitudine e isolamento e paura di contrarre il Covid-19.

Di coloro che sono risultati positivi, oltre i tre quarti avevano piani per gestire l’autoisolamento secondo le linee guida, ma un terzo non è stato in grado di farlo, mostra il rapporto che sarà lanciato dal ministro della Sanità Anne Rabbitte.

Le persone con disabilita soffrono di piu durante la pandemia

La professoressa Mary McCarron, ricercatrice principale, ha affermato che è “particolarmente lodevole che esistessero piani e strategie attivi per l’isolamento e la quarantena, che la maggior parte delle persone con questa disabilità ha rispettato“.

Ha sottolineato le preoccupazioni derivanti da come le persone hanno vissuto con le restrizioni sociali dovute al Covid .

I risultati di questo studio mostrano che le persone con disabilità intellettiva che sono più anziane e con alti livelli di comorbilità possono essere protette dall’ottenere il Covid-19 attraverso la stretta aderenza alle linee guida di salute pubblica. Tuttavia, se la trasmissione nella comunità è elevata, è necessaria una maggiore vigilanza“.

Questo studio non ha riportato alcun decesso correlato al Covid-19; sappiamo, tuttavia, da altri studi pubblicati che l’aumento dell’età e altre patologie patologiche riconosciute si traducono in risultati più poveri e in aumento della mortalità , quindi le persone all’interno di questa categoria trarranno beneficio da una vigilanza aggiuntiva“.

Next Post

Covid-19, attenti alle due fasi dell'infezione

Un problema con COVID-19 è che la malattia può svilupparsi in due fasi . All’inizio, i pazienti si sentono deboli, ad esempio con sintomi simil-influenzali e una nota perdita del gusto . Poi si sentono meglio per un momento , ma in quel momento la polmonite si sta sviluppando nel corpo . “Allora ti senti male e spesso hai una febbre alta, ma di […]
Covid-19 attenti alle due fasi de infezione