Falsi miti e verità sulla sigaretta e la nicotina

Una semplice “pausa sigaretta” ti espone a migliaia di sostanze tossiche. Tra queste, la nicotina che provoca dipendenza dalle sigarette, i composti del cianuro o il monossido di carbonio che impedisce all’ossigeno di fissarsi nel sangue e che non può essere correttamente ridistribuito ai tessuti secondo le loro esigenze.

Nonostante tutto quello che sappiamo sulle sigarette, l’industria del tabacco naturalmente continua a gonfie vele, e lo fa da secoli: in un articolo di Futura Sciences, si ricorda che già nel XIX secolo, le sigarette divennero un prodotto di consumo per il quale le persone iniziarono a fare pubblicità. Per manipolare le folle, le argomentazioni si basavano su cosiddetti medici che ne decantavano le proprietà miracolose sulla salute del tabacco.

Ma quali sono i falsi miti e le verità legate alla sigaretta e al tabacco

Falsi miti e verita sulla sigaretta e la nicotina

In un’intervista , la dottoressa Nathalie Wirth, specializzata in tossicodipendenza, spiega molto chiaramente che smettere di fumare, per una persona dipendente, non fa ingrassare sistematicamente se è accompagnato da cure mediche (sostituzione della nicotina).

La cosa più difficile da controllare è la dipendenza da nicotina che provoca nervosismo, ansia, problemi di sonno, concentrazione e voglie. Secondo lo specialista, la maggior parte delle persone che ingrassano smettendo di fumare avevano già cattive abitudini alimentari: quindi non esitate a farvi seguire da un medico, che potrà prescrivervi consulti con un nutrizionista.

Nathalie Wirth distingue tre tipi di profilo quando si smette di fumare: le persone che non guadagneranno un grammo, quelle che aumenteranno dai 3 ai 4 chili e gli ultimi che ne prenderanno dieci.

E per chi prenderà qualche chilo, è normale. Ci vuole tempo, tempo perché il tuo metabolismo si stabilizzi! Tanto più che il gusto e l’odore che si erano attenuati si stanno risvegliando: un intero mondo di sapori si sta aprendo di nuovo a te… Sii indulgente con te stesso, questo nuovo stile di vita sano ti ricompenserà.

Le sigarette leggere sono meno dannose?

Molte persone credono ancora che le sigarette leggere o con il “fai da te”, siano meno pericolose delle sigarette industriali.

Il tabacco da arrotolare è molto più accessibile delle sigarette industriali, il che spiega il suo fascino, soprattutto tra i giovani. Questo è un dato di fatto. Ma a volte è considerato meno dannoso, perché più “puro”; tuttavia, lo specialista del tabacco e medico Philippe Castera ha spiegato su Santé Magazine che “la resa di nicotina e catrame delle sigarette arrotolate è da tre a sei volte superiore” senza contare che la maggior parte dei fumatori non usa filtri.

Quanto alle sigarette light, vendute come accendisigari nella nicotina e nei prodotti nocivi, sono semplicemente una buona trovata di marketing: il loro gusto è meno forte, ma è pur sempre tabacco.

La meccanica è molto simile a quella citata per il narghilè: i fumatori di sigarette leggere tendono ad inalare più fumo ed è più difficile trovare lo stesso livello di nicotina. Alla fine, gli effetti dannosi del tabacco sono esattamente gli stessi sul corpo.

Il fumo non rilassa

Potresti aver già sentito alcuni fumatori dirti che le sigarette erano l’unica cosa che li rilassa. Sappi che questa sensazione di rilassamento è solo molto temporanea e soprattutto illusoria: se sei naturalmente stressato, la sigaretta non ti aiuterà!

Nel caso di un fumatore abituale, a cui sarebbe vietato fumare per un certo tempo, si verifica un fenomeno di anticipazione da parte del sistema nervoso. Quest’ultimo le fa credere che la prossima sigaretta che accenderà gli farà bene … E infatti, nel momento in cui questo fumatore accenderà la sua sigaretta, il suo nervosismo diminuirà, perché sono semplicemente i primi sintomi di astinenza che scompariranno.

Infatti il ​​tabacco aumenta la pressione sanguigna e provoca vasocostrizione nei vasi sanguigni che si restringono. Contemporaneamente e impercettibilmente, la frequenza cardiaca aumenta.

Next Post

Attività fisica e salute: come siamo cambiati con la pandemia

In tempi non pandemici, prendere decisioni a beneficio sia della propria salute fisica che quella mentale, era relativamente semplice, poiché queste opzioni erano spesso la stessa cosa. Fare del bene al corpo ha benefici tangibili per l’umore e il benessere psicologico. L’esercizio fisico riduce significativamente l’ansia e la depressione, unito […]
Attivita fisica e salute come siamo cambiati con la pandemia