Evitare il Covid-19 grave, con una dieta sana

Agenda Digitale

Gli scienziati del King’s College di Londra hanno scoperto che una dieta equilibrata previene fino al 40% le possibilità di ammalarsi gravemente in caso di contrarre il coronavirus e riduce le possibilità di contrarre il virus del 10%.

Solo un piccolo deficit di micronutrienti può influenzare la forza del sistema immunitario per far fronte a virus e batteri. Ma cosa mangiare e quanto per rafforzare la risposta immunitaria dell’organismo?

Per chiarire alcuni dubbi, i ricercatori del King’s College di Londra hanno condotto un’indagine tra 600.000 persone, a cui è stato chiesto di registrare ciò che stavano mangiando prima dell’inizio della pandemia.

I volontari sono stati divisi in cinque gruppi in base a quanto sana fosse la loro dieta e sono stati monitorati per nove mesi. Nel frattempo, hanno dovuto informare gli specialisti se hanno contratto il Covid-19 e registrare quanto gravemente si sono ammalati.

Evitare il Covid-19 grave con una dieta sana

I risultati hanno mostrato che coloro che mangiavano più frutta e verdura avevano il 40% in meno di probabilità di essere ricoverati in ospedale e di aver bisogno di ossigeno in caso di infezione. Soprattutto, avevano il 10% di possibilità di contrarre il virus.

I ricercatori hanno definito i mangiatori più sani quelli che mangiano due porzioni di frutta al giorno e tre diverse verdure.

Lo studio, pubblicato su medRxiv e che ha coinvolto anche scienziati della Harvard Medical School, ha scoperto che coloro che avevano affrontato meglio il coronavirus consumavano anche 200 grammi di pesce azzurro, come salmone e sardine, ogni settimana e conservavano gli zuccheri al minimo.

D’altra parte, i mangiatori meno sani hanno consumato meno di due frutti durante i mesi dello studio nel corso di una settimana e non hanno mangiato verdura per alcuni giorni .

Hanno anche registrato che non mangiavano pesce e consumavano più cibi grassi e zuccherati di quanto raccomandato.

Il professor Tim Spector è uno dei ricercatori che ha svolto il lavoro e ha sottolineato che “Non c’è bisogno di diventare vegani per raccogliere i benefici di un’alimentazione sana”. Anche se ha riconosciuto che mangiare una dieta più ricca di piante potrebbe “migliorare il sistema immunitario e potenzialmente ridurre il rischio di contrarre il COVID-19“.

Le persone che seguono diete di qualità superiore (con bassi livelli di alimenti ultra-elaborati) hanno una raccolta più sana di microbi nel loro intestino, che è correlata a una salute migliore” osserva il ricercatore. La coautrice dello studio, la dott.ssa Sarah Berry, ha aggiunto: “Per la prima volta siamo stati in grado di dimostrare che una dieta più sana può ridurre le possibilità di sviluppare il Covid“.

Lo studio è stato condotto tramite l’app Covid Symptom Study della società di tecnologia sanitaria ZOE, un software che consente alle persone di registrare i propri sintomi e se sono risultati positivi. Viene utilizzato per monitorare i focolai di coronavirus in Gran Bretagna.

Per il lavoro, ai partecipanti è stato chiesto cosa avessero mangiato dal febbraio dello scorso anno, prima che il virus prendesse il sopravvento nel mondo. Sono stati seguiti fino all’inizio di dicembre, per tutta la prima ondata e l’inizio della seconda in quel Paese, ed è stato chiesto loro di registrarsi se avevano il virus e se erano stati ricoverati.

I dati hanno mostrato che c’erano 72,2 casi di Covid-19 per 10.000 persone tra i partecipanti alle diete più sane, mentre per i volontari all’altra estremità dello spettro dietetico, il tasso si attestava a circa 95,4.

La differenza era ancora peggiore per i casi di malattia grave, definiti come pazienti ricoverati in ospedale e che necessitavano di ossigeno.

Dopo aver analizzato i risultati per altri potenziali fattori che potrebbero aver influenzato i risultati, come genere, etnia e condizioni di salute sottostanti, Hanno scoperto che quelli che seguivano le migliori diete avevano meno probabilità di soffrire di malattie gravi e, ancora di più, di contrarre il virus.

Next Post

Vaccini Pfizer e AstraZeneca, perde efficacia dopo la seconda dose?

La protezione data contro il Covid-19, dalle due dosi dei vaccini Pfizer e AstraZeneca, inizia a diminuire sei mesi dopo l’assunzione, secondo quanto rivelato da una nuova ricerca britannica, citata dalla “BBC“. Lo studio si basa sui risultati positivi dei test per Covid-19, effettuati tra maggio e luglio 2021 su […]
Vaccini Pfizer e AstraZeneca perde efficacia dopo la seconda dose