Elon Musk mostra la catena di montaggio del razzo Starship

Il fondatore di SpaceX, Elon Musk, ha aperto le porte della sua fabbrica di razzi attraverso il canale video Youtube Everyday Astronaut.

Parlando per più di due ore in mezzo ai rumori della catena di montaggio, Musk mostra com’è una giornata lavorativa a Starbase, in Texas, mentre discute gli aspetti tecnici del razzo che sta costruendo: la gigantesca Starship Super Heavy.

La prima parte del video è disponibile su YouTube, ma ci sono ancora due parti che saranno pubblicate.

Elon Musk mostra la catena di montaggio del razzo Starship

In questa prima parte, Musk, amministratore delegato, ma anche ingegnere capo di SpaceX, si concentra sul propulsore B4 a 29 motori che SpaceX ha appena finito di assemblare.

Musk insiste sull’importanza di ciò che SpaceX sta facendo su Starbase: “Non c’è mai stato un razzo completamente riutilizzabile, la gente non lo capisce, questo è il Santo Graal dei razzi“.

Ripete anche uno dei suoi mantra: progettare un razzo non è la parte difficile, ma produrlo in modo massiccio e conveniente. “Progettare il sistema di produzione è 10-100 volte più difficile che progettare il razzo“, secondo Musk.

Nel video, Musk assicura che la torre di atterraggio del booster Super Heavy sarà complessa quanto il razzo. Avrà due braccia mobili come “bacchette” che cattureranno il razzo in volo durante la sua discesa, come mostrato in questa animazione di Erc X.

I russi “hanno realizzato razzi multistadio in tutti i tipi di progetti per decenni”, afferma Musk: La cosa difficile della Starship è che il costo per tonnellata di spinta dei motori Raptor è inferiore ai 1.000 dollari. Il costo per ogni tonnellata che viene inviata nell’orbita terrestre deve scendere per diventare una specie multiplanetaria, ammette l’uomo d’affari.

Musk ha un “algoritmo” per raggiungere questo obiettivo. Il primo passo è “rendere i requisiti meno stupidi“. Il secondo è “elimina parti o processi“. “Se non rimetti il ​​10% delle cose che rimuovi, non stai rimuovendo abbastanza”, afferma Musk. Il terzo è “semplificare o ottimizzare” (ma solo dopo aver eliminato, poiché ottimizzare ciò che non dovrebbe esistere è la “peggiore perdita di tempo”). Il quarto passo è accelerare, “puoi sempre andare più veloce”. L’ultimo passo è “automatizzare”.

Musk mostra come vengono fissate le alette in rete della girante Super Heavy per risparmiare i costi del meccanismo di piegatura. Anche così, sono un prototipo e pesano troppo, quindi finiranno per evolversi, come il propellente stesso, che deve pesare meno di 200 tonnellate.

Per quanto riguarda la storia del volo dell’astronave , Musk afferma che nessuno dei motivi per cui i prototipi sono esplosi era nell’elenco dei pericoli, quindi quanto fossero importanti per l’apprendimento dell’azienda.

Qui, Musk discute i progressi nella progettazione dei motori Raptor. La versione Raptor 2 dovrebbe essere pronta in un mese, con una pressione di esercizio in camera di combustione di 298 bar.

Infine, Musk offre alcuni dettagli sul contratto del sistema di atterraggio umano della NASA per l’atterraggio di un’astronave sulla Luna (appena approvato dall’Ufficio di responsabilità del governo degli Stati Uniti a seguito delle lamentele di Blue Origin e Dynetics ). L’uomo d’affari ammette che il design dell’astronave lunare probabilmente si evolverà, ma nel complesso l’obiettivo è evitare di fare un buco nella Luna con i motori del razzo scavando una tomba degli astronauti.

La seconda e la terza parte dell’intervista saranno pubblicate sul canale Everyday Astronaut nei prossimi giorni.

Next Post

Perseidi: Le stelle cadenti in un agosto rovente

Il mese di agosto è un mese importante per molti astrofili e amanti dei fenomeni celesti, perchè è possibile assistere al fenomeno delle cosiddette “stelle cadenti“. Ogni anno ad agosto, la Terra attraversa l’orbita della cometa Swift-Tuttle, portando alla bellissima pioggia di meteoriti delle Perseidi popolarmente conosciuta come “stelle cadenti”. […]
Perseidi Le stelle cadenti in un agosto rovente