Coronavirus: Chi saranno i primi a ricevere il vaccino

Agenda Digitale

Non è stata presa alcuna decisione, ma il consenso tra molti esperti negli Stati Uniti e nel mondo è che gli operatori sanitari dovrebbero essere i primi, ha affermato Sema Sgaier della Fondazione Surgo, un gruppo senza scopo di lucro che lavora su questioni di allocazione dei vaccini.

Un gruppo di esperti che consiglia i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie sta anche valutando di dare alta priorità ai lavoratori delle industrie essenziali, alle persone con determinate condizioni mediche e alle persone di 65 anni e più.

Una volta che un vaccino ottiene il via libera dalla Food and Drug Administration, il gruppo esaminerà i dati degli studi clinici sugli effetti collaterali e su come hanno risposto persone di varie età, etnie e stati di salute. Ciò determinerà le raccomandazioni del pannello al CDC su come dare la priorità ai colpi.

Ci si aspetta che i funzionari statali seguano la guida del CDC mentre distribuiscono i primi vaccini.

Le scorte di vaccini saranno inizialmente limitate. Non ce ne sarà abbastanza per proteggere tutti, ma far arrivare le dosi alle persone giuste potrebbe cambiare il corso della pandemia.

Molte altre domande sulla distribuzione rimangono senza risposta, ha osservato Sgaier, come se distribuire il vaccino in modo uniforme in tutto il paese o concentrarsi su aree che sono punti caldi.

Next Post

Le persone con disabilità, soffrono di più durante la pandemia

Uno studio rivela che le  persone con disabilità intellettiva che sono più anziane tendono ad avere alti livelli di comorbilità. Più della metà delle persone anziane con disabilità intellettiva ha sofferto di stress e ansia a causa della pandemia Covid-19, anche se pochissimi sono risultati positivi e non hanno avuto decessi, […]
Le persone con disabilita soffrono di piu durante la pandemia