Anziani: Esercizio fisico e dieta sana ecco come

Secondo l’OMS, il 22,3% degli uomini di età compresa tra 65 e 74 anni nei Paesi europei soffre di obesità. Nel caso delle donne, questa percentuale sale al 26,32%. Secondo questa stessa fonte, il 60% delle persone ammette di non camminare nemmeno. Inoltre, diversi studi hanno dimostrato che uno stile di vita sedentario colpisce più donne che uomini e il rischio aumenta dopo il pensionamento.

Obesità e stile di vita sedentario vanno di pari passo e questa cattiva abitudine sta diventando sempre più comune nello stile di vita dell’intera popolazione. Nella fascia anziana è ancora più grave perché, negli anni, il peso tende ad aumentare e la massa muscolare a diminuire , il che può far sì che una persona non abbia abbastanza forza per alzarsi e finire per perdere l’autonomia.

Anziani Esercizio fisico e dieta sana ecco come

Seguire una dieta equilibrata e l’esercizio fisico quotidiano è essenziale per godere di uno stile di vita sano e godere dell’adeguata qualità della vita fisica e mentale in questa sezione della vita. Inoltre, aiuta a prevenire la comparsa di malattie pericolose come obesità, diabete, disturbi cardiaci e persino disturbi cognitivi.

Gli esperti dicono che non esistono veri e propri cibicattivi“, ma piuttosto diete malsane. Una dieta sana si ottiene mangiando la giusta quantità di cibo nella giusta proporzione. Mangiare una proporzione adeguata di alimenti dei gruppi principali costituisce la base del benessere quotidiano che ridurrà il rischio di malattie a lungo termine.

Una dieta sana è essenziale per una buona salute in ogni fase della vita. Tuttavia, quando si tratta di persone anziane, seguire una dieta sana è più di una raccomandazione, si tratta di un obbligo. Per questo, una volta raggiunta la cosiddetta terza età, è fondamentale aumentare il consumo di alcuni alimenti, come verdura e frutta, latticini, pesce e verdura, oltre a non abusarne tre: zucchero, sale e grasso.

L’esercizio fisico è considerato una terapia non farmacologica che ci permette di raggiungere una vecchiaia più autonoma e indipendente. È necessaria l’attività fisica negli anziani.

Una passeggiata giornaliera di circa 10 o 20 minuti è sufficiente per aiutare a mantenere un peso corporeo adeguato, ridurre la percentuale di grasso corporeo e che le persone anziane mantengano la loro mobilità e coordinazione, cosa essenziale per ridurre le cadute.

È dimostrato che una persona anziana che incoraggia una vita attiva tende a migliorare la sua qualità del sonno e controlla il livello di zucchero nel sangue, migliorando la sua pressione sanguigna e la sua respirazione.

Attività come la partecipazione a gruppi di fisioterapia, lezioni di yoga o Pilates hanno molteplici benefici per la salute degli anziani. Oltre ad essere uno dei migliori strumenti per promuovere le relazioni sociali fornendo molteplici benefici al nostro corpo.

Se la persona è immobile, è consigliabile svolgere un allenamento di resistenza progressivo per mantenere la mobilità muscolare ed evitare così le paurose cadute che tante sequele, sia fisiche che cognitive, lasciano nella popolazione anziana.

Poiché l’aspettativa di vita aumenta progressivamente nel nostro Paese, è fondamentale arrivare il più sani possibile alla fine della nostra tappa.

Anche la consapevolezza in questo aspetto è molto importante. Le persone anziane sono un gruppo a rischio per molte malattie come il COVID-19, inoltre, molti studi evidenziano che l’ obesità e la mancanza di mobilità giocano contro il recupero nei pazienti più anziani infetti e aumentano persino le statistiche sulla mortalità.

Questo dovrebbe renderci consapevoli che mangiare bene ed essere attivi salva vite umane .

Next Post

Obesità e Covid, la condizione peggiora

L’obesità colpisce gran parte della popolazione mondiale, deve essere considerata una vera e propria malattia, direttamente collegata al sovrappeso, rimane tuttavia poco conosciuta. Secondo il Ministero della Salute, c’è un aumento della percentuale di persone che progrediscono verso l’obesità molto grave, che corrisponde a un indice di massa corporea BMI> […]
Obesita e Covid la condizione peggiora