Allenarsi a digiuno? Ecco i pro e i contro

Ognuno di noi, per fare attività fisica, ha il suo momento preferito: c’è chi ama farlo appena sveglio, chi in tarda mattinata, chi può solo ad ora di pranzo o dopo cena.

Non esiste certo un momento giusto o sbagliato per farlo, dato che dipende dal tempo a disposizione di ognuno di noi, ma in tanti si chiedono: è giusto allenarsi a digiuno?

Anche in questo caso non c’è una risposta univoca, e gli esperti si dividono in due fazioni contrapposte, ma indubbiamente ci sono pro e contro.

In generale, può essere vantaggioso per allenamenti meno intensi o per discipline di resistenza, come nuoto o jogging, mentre per sport con alti dispendi energetici si rischia di non riuscire a terminare la sessione.

Tra i vantaggi, c’è senza dubbio il fatto che la glicemia e le scorte di glicogeno sono generalmente basse e quindi allenarsi in queste condizioni promuove un maggiore utilizzo di grassi in termini energetici. L’esercizio fisico a digiuno, in buona sostanza, aumenta la combustione dei grassi durante e dopo l’allenamento.

Ma non mancano neppure i contro: potrebbe infatti verificarsi un’improvvisa stanchezza e la perdita di energia causata dalla riduzione delle riserve di glicogeno.

Inoltre l’esercizio a digiuno potrebbe condurre ad un eccessivo catabolismo muscolare, poiché in condizioni di ipoglicemia aumenta anche la quota di energia ricavata dagli amminoacidi.

Next Post

Cos’è il complesso di Telemaco?

Tutti noi, almeno una volta, abbiamo sentito parlare del Complesso di Edipo, che consiste nel rifiuto incosciente del genitore del proprio sesso, dovuto a una proiezione amorosa nei confronti del genitore di sesso opposto. Ad identificarlo e studiarlo per primo è stato Sigmund Freud, in riferimento alla tragedia di Sofocle, “Edipo re”, nella quale, […]
Cose il complesso di Telemaco